Il Decreto sull’obbligatorietà dei seggiolini (o dispositivi) anti-abbandono è stato firmato e approvato. Dal 7 Novembre scattano multe da 81 fino a 326 euro per chi trasporta bambini under 4 anni senza equipaggiamento a norma. 

Mamme, papà drizzate le orecchie! La Gazzetta Ufficiale ha finalmente pubblicato il decreto del ministero delle Infrastrutture che rende obbligatori, dal prossimo 6 Novembre, seggiolini o dispositivi anti-abbandono per chi trasporta bambini fino ai 4 anni di età.

Attenzione, questo non significa che entro il 6 Novembre dovremo cambiare in massa i seggiolini di cui già disponiamo, significa semplicemente che dovremo tutti acquistare un dispositivo (ce ne sono tanti in giro e qui ne trovate alcuni) che segnalano la presenza del bambino sul seggiolino auto quando il conducente si allontana dalla vettura.

Dal 7 Novembre, infatti, scatteranno le multe per chi non si equipaggerà con dispositivi a norma, che andranno da 81 euro a 326 euro, più la decurtazione di 5 punti sulla patente. E in caso di recidiva nell’arco di due anni scatta la sospensione della licenza di guida da 15 giorni a 2 mesi.

Il bonus previsto nella Legge di Bilancio 2019

Direi quindi che per il bene dei nostri figli (e del portafogli) possiamo affrontare una spesa di circa 69 euro (noi ad esempio abbiamo scelto il dispositivo BabyBell BSA-1).

L’obbligo riguarderà quasi due milioni di bambini residenti in Italia di età inferiore ai quattro anni (stando ai dati Istat) e relative famiglie. La legge di bilancio 2019 ha anche previsto un bonus di 30 euro a dispositivo, fino a esaurimento delle risorse disponibili.

Il decreto definisce “I dispositivi che sono conformi alle disposizioni previste dal decreto attuativo e che hanno il marchio CE saranno considerati a norma”. Questo significa che non c’è un’omologazione specifica per questi prodotti, e alle stesse aziende costruttrici basterà compilare un’autocertificazione di conformità per potere i loro prodotti sul mercato.

Le caratteristiche dei dispositivi e dei seggiolini anti-abbandono

Ma le caratteristiche principali dei seggiolini anti-abbandono sono indicate nel testo della legge:

  • il dispositivo deve funzionare grazie a sistemi elettronici o sensori,
  • non deve in alcun modo alterarne le caratteristiche di omologazione del veicolo o del seggiolino a cui si aggiunge,
  • deve essere in grado di attivarsi automaticamente a ogni utilizzo senza ulteriori azioni da parte del conducente,
  • deve dare un segnale di conferma dell’avvenuta attivazione,
  • l’allarme innescato deve essere in grado di attirare l’attenzione attraverso appositi segnali visivi e acustici o visivi e aptici (cioè tattili) percepibili all’interno o all’esterno del veicolo
  • se alimentato da batteria, il dispositivo deve essere in grado di segnalare al conducente livelli bassi di carica rimanente
  • può essere dotato di un sistema di comunicazione automatico per l’invio, per mezzo delle reti di comunicazione mobile senza fili, di messaggi o chiamate.

Il dispositivo anti-abbandono BabyBell BSA-1

Noi abbiamo scelto il dispositivo anti-abbandono della Steelmate, BabyBell BSA-1.

I motivi sono diversi e molto semplici. Cercavo innanzitutto un dispositivo che non fosse troppo invasivo per la iena che già odia stare nel seggiolino e si lamenta in continuazione che “mamma mi stringe, mamma mi fa male”. Questo è un semplice cuscinetto da sistemare sotto l’imbottitura del seggiolino che Greta nemmeno se ne accorge e un segnalatore luminoso da inserire nell’accendisigari (che funziona anche da caricabatterie per il cellulare se collegate il cavetto).

L’installazione del dispositivo è davvero facile e veloce. Scarichi la app, ti registri e colleghi tramite bluetooth il dispositivo. Finito. Funzionante.

Si potranno poi collegare tre numeri che saranno contattati in caso di emergenza.

Baby Bell BSA-1 è poi l’unico dispositivo in commercio che funziona sia con lo smartphone collegato sia senza, gli allarmi si attiveranno in qualsiasi modalità.

In caso di smartphone collegato, se Baby Bell rileva l’auto spenta e non è stata data alcuna conferma di prelievo del bambino ed il sensore posto sulla seduta del seggiolino sente ancora il peso, l’APP darà un allarme. Nel caso entro 5 minuti non venga data la conferma che il bambino non è più in auto, l’APP invierà un sms di allarme, con la posizione geografica, ai numeri precedentemente configurati.
Nel caso invece di smartphone scollegato, se il bambino si spostasse dal seggiolino durante la marcia disattivando il sensore di peso Baby Bell emetterà 3 bip e l’icona sul dispositivo diventerà rossa. Se invece il sensore di peso rileva ancora la presenza del bambino sul seggiolino e l’auto è spenta il dispositivo inizierà a suonare ininterrottamente.
Il costo è di 69 euro.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here